Alberto Pian

Alberto Pian

CHE COS’È IL PODCAST – JOURNALISM?

Il podcast si aggancia definitivamente al journalism e diventa uno strumento del racconto giornalistico.Lo storytelling attraverso il podcasting offre ai giornalisti e agli autori maggiore autonomia e indipendenza. Your Storytelling è un blog indipendente e non sponsorizzato.

Un po’ di storia

Nel 2014 negli USA nasce una serie di podcast crime creata da Koenig e Julie Snyder per This American Life. Gli episodi sono molto lunghi, rispetto alla normale erogazione giornalistica, poiché durano la bellezza di un’ora.

Eppure il format ha un grande successo, poiché si tratta del primo podcast seriale a puntate. La prima serie esce in dodici episodi. A questa seguono una seconda e una terza serie. E poi, fatto nuovo nella storia del podcasting, ogni stagione è centrata su un solo caso e dunque gli episodi sono a puntate chiuse.

Nel settembre 2018 gli episodi delle prime due stagioni sono stati scaricati 340 milioni di volte. Si stabilisce così uno spartiacque fra il podcasting “prima” e “dopo”, specialmente nel mondo giornalistico. Dato il successo straordinario e il proliferare di questo genere, nel 2016 la rivista Rolling Stone stende una classifica dei migliori dieci crime podcast seriali.

Il podcast – journalism

Nasceva quello che potremmo definire Podcast – Journalism. Secondo la giornalista e blogger canadese Sheelagh Caygill:

“Il Podcasting sta cambiando il volto del giornalismo e dei media audio. Mentre il giornalismo di stampa continua il suo declino, il podcasting è un serio contendente per il futuro del giornalismo. Con il podcasting, giornalisti e scrittori hanno l’opportunità di raccontare una storia attraverso i media audio e di raggiungere un nuovo e crescente mondo degli ascoltatori. I podcast sono relativamente facili e poco costosi da produrre, e il pubblico apprezza il senso di connessione personale con un conduttore del programma.” (Sheelagh Caygill, Podcasting changes face of journalism and audio media, Communicate Influence)

Il senso di queste posizioni è semplice: il mondo del giornalismo, è apparso troppo ingessato, con i suoi contenuti rivolti essenzialmente alla scrittura e le sue regole. Ma ora sta subendo l’influenza dei nuovi media e il podcasting è un attore di questo cambiamento.

Creatività e autonomia del giornalista

Così il podcast si aggancia definitivamente al journalism. Il cambiamento si indirizza verso l’espressione di una maggiore creatività e autonomia del giornalista. Infatti, la scelta della lunghezza del racconto e la sua diffusione orale, indipendentemente dai vincoli redazionali, offre la possibilità al giornalista di esprimersi in modo indipendente e di concentrarsi sul senso del racconto, non sul target dei suoi lettori, imposto da una redazione più attenta agli introiti pubblicitari che alla verità e all’estetica della storia.

Basta sfogliare una qualsiasi testata giornalistica per vedere come questo è vero. Infatti, le notizie che presentano delle storie “continue” nel tempo (purtroppo come la guerra in Ucraina), sono facilmente coperte da episodi podcast. A realizzarli sono gli stessi inviati delle testate giornalistiche.

Mattanza

Tra i vari podcast, giusto come esempio, vi segnalo “Mattanza”, una serie di episodi dedicati agli intrecci fra terrorismo, mafia e Stato in Italia negli anni ’90 pubblicato da Il Fatto Quotidiano.

https://www.ilfattoquotidiano.it/mattanza-podcast/

Alberto Pian, 2022 – scrivimi: arakhne@mac.com | www.albertopian.it Your Storytelling è un blog indipendente e non sponsorizzato.


MI ABBONO GRATUITAMENTE A YOUR STORYTELLING

www.albertopian.it ©Alberto Pian – scrivimi: arakhne@mac.com | www.albertopian.it 
Your Storytelling è un blog indipendente e non sponsorizzato.


Policy

Utilizzerò i tuoi dati solo ed esclusivamente per inviarti di informazioni sulle mie attività culturali e formative e i miei prodotti corsi, pubblicazioni, articoli). Non saranno consegnati a terzi e non saranno gestiti da terzi. Impostazioni policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/46159229 Se non desideri ricevere più informazioni da parte mia, ti puoi disiscrivere utilizzando questo link: https://goo.gl/forms/qiNKdzzVkJTO7tWt1 (ai sensi del GDPR, art. 1 (f) “il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento”). Per disicriversi dalle mie comunicazioni clic qua